Israele pronto a nuova tregua a Gaza per liberare altri ostaggi: la proposta ad Hamas

(Adnkronos) –
Israele avrebbe presentato ad Hamas una nuova proposta di tregua a Gaza che prevede una pausa di una settimana nei combattimenti in cambio del rilascio di 40 ostaggi. Ad affermarlo Barak Ravid, analista politico e di politica estera della Cnn. L'accordo è stato presentato ad Hamas attraverso i mediatori del Qatar, ha detto Ravid. Oggi il leader di Hamas, Ismail Haniyeh, è atteso al Cairo per colloqui su un nuovo cessate il fuoco a Gaza. Haniyeh – che risiede in Qatar – dovrebbe guidare una delegazione di alto livello di Hamas in Egitto, paese che insieme al Qatar ha contribuito a mediare una tregua di una settimana il mese scorso e il rilascio di ostaggi catturati da Hamas in cambio della liberazione di detenuti palestinesi nelle carceri israeliane. Ieri il presidente israeliano Isaac Herzog, parlando a un gruppo di ambasciatori di 80 Paesi, aveva affermato che Israele è pronto a una nuova pausa nei combattimenti in cambio del rilascio di più ostaggi. "Posso ribadire il fatto che Israele è pronto a un'altra pausa umanitaria e ad altri aiuti umanitari per permettere il rilascio degli ostaggi", ha detto il presidente israeliano agli ambasciatori, sottolineando che "la responsabilità è solo nelle mani di Sinwar e la leadership di Hamas". "Si può facilmente triplicare la quantità di camion se ci fosse uno sforzo da parte dell'Onu e dei suoi partner, il mondo deve sapere che avremmo potuto avere decine di migliaia di tonnellate di aiuti in più a Gaza", ha detto ancora Herzog. Herzog ha anche messo l'enfasi sugli sforzi umanitari di Israele, esortando le organizzazioni internazionali a fare di più per la consegna degli aiuti a Gaza. "La quantità di aiuti umanitari può essere triplicata istantaneamente", ha detto, sostenendo che gli israeliani hanno ispezionato centinaia di camion al giorno al valico di Nitzana, ma l'Onu e gli altri gruppi non hanno mantenuto il ritmo degli invii, portando all'ingresso solo di 100-125 camion al giorno. Tuttavia il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant dal canto suo ha fatto sapere che l'operazione di terra si estenderà ad altre aree della Striscia. Durante una visita al confine di Gaza, Gallant ha detto: "Khan Younis è diventata la nuova capitale del terrore". Non smetteremo di agire lì finché non avremo raggiunto gli alti funzionari di Hamas", ha riferito il Times of Israel, citando fonti del ministero. Confermato anche il dispiegamento aggiuntivo di truppe nelle vicinanze di Khan Younis. "Nel sud di Gaza, nell'area di Khan Yunis, stiamo espandendo le nostre operazioni. Abbiamo aggiunto un'intera brigata e ulteriori forze di ingegneria da combattimento per le operazioni nell'area, per migliorare le nostre operazioni", ha detto il portavoce delle Forze di difesa israeliane (Idf), Daniel Hagari. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)